pensiamo agli altri a mai a noi Italiani.

centinai e centinai di immigrati dove li mettiamo, è più che giusto aiutarli, così ci hanno insegnato, ma adesso siamo al tracollo.pensiamo sempre agli altri e mai ci curiamo dei nostri cittadini che siamo arrivati ad un punto di povertà che mai credovo si arrivasse, mi sembra di essere tornato ai tempo dei Romani, una classe di persone ricche che parlano facendo credere di aiutare e dare lavoro ....... ed una classe povera, che spera che qualcuno faccia qualcosa. Non basta screditare sempre gli altri, bisogna pura dire cosa fare  con fatti e non con parole , bellissime parole nel distruggere quello che dicono gli altri facendo credere che tutto è inutile, ma alla fine tu cosa ci proponi???????...... 

Cosa succede all'interno del Parlamento.

In questi ultimi giorni, all'interno del Parlamento si è visto di tutto, addirittura sono riusciti a far entrare un pesce, anche se di plastica.

Cosa dire, tutte le volte mi sembra di vedere degli attori che recitano qualcosa che neppure loro sanno cosa sia.

Tutti sono pronti a disfare quello che gli altri propongono. Nessuno pensa al BENE della Nazione, tutto il Mondo sorride su tutto quello che sta accadendo nel nostro Paese.In tutte le trasmissioni non si fa altro che parlare di tutto ma nessuno raggiunge il vero problema per una sana risoluzione, mi sembra che si stia giocando al gioco dei tre bicchieri, prendo di qua e tolgo di la, ed alla fine sono sempre gli stessi soldi che entrano nelle tasche dei cittadini.Non voglio dire altro. Mi permetto di essere ripetitivo. Questo è rivolto a tutti coloro che ci gestiscono e se hanno buon cuore prima di parlare ci pensino almeno dieci secondi." OGNUNO E' CHIAMATO A RECITARE LA SUA NEL TEATRO CHE E' LA VITA UMANA, DALLA NASCITA FINO ALLA FINE DEI PROPRI GIORNI. SI E' ATTORI, PROTAGONISTI IN RUOLI DIVERSI, A VOLTE ARMENI(ALLEGRI) A VOLTE TRISTI. L'ESSENZIALE E' RECITARE LA PROPRIA PARTE CON SINCERITA', CON SPONTANEITA', DI ESSERE IL PIU' POSSIBILE SEMPRE SE STESSI.NON ESISTONO COPIONI.LE SCENE CAMBIANO OGNI ISTANTE, RECITANDO CONTINUAMENTE ATTO DOPO ATTO SI ARRIVA ALLA CONCLUSIONE FINALE. NON IMPORTA SE LA PLATEA E' COSTITUITA DA FAMILIARI, DA CONOSCENTI, DA PERSONE CON LE QUALI SI E' IN CONTATTO. GLI APPLAUSI NON VERRANNO DAL PUBBLICO, MA OGNUNO LI SENTIRA' NELLA PROPRIA COSCENZA, NEL PIU' PROFONDO DELL'ANIMA E NELLA CONSAPEVOLEZZA D'AVER RECITATO BENE LA PROPRIA PARTE CON ONESTA' E CON GIUSTIZIA E QUESTI APPLAUSI CHE SENTIAMO DENTRO, APPAGHERANNO PIU' DI TUTTI GLI ALTRI.   Cesare

Invito alla riflessione

Agli amici di Nuova Epoca,che si apprestano ad assumere impegni di candidatura nelle prossime elezioni amministrative nei vari Comuni della Toscana,rivolgo un invito e una raccomandazione.Siate coerenti testimoni di moralità e con fermezza nella testimonianza delle vostre idee, ricercate sempre il confronto con tutti.Ma sempre nella pacatezza dei modi e delle parole.Ricordando che la buona politica mette a confronto le idee per contribuire a costruire la democrazia. Rifiutando le offese e lo scontro.Credo sia utile dare forma e concretazza a una politica fatta dal basso. Da cittadini,che partendo dai Comuni e dalle Città hanno molto da dire e cose da fare.

Occorre offrire uno spazio in costruzione, dove ognuno possa esprimere e concretizzare il suo contributo e si confronti con gli altri.Una sorta di formazione delle idee che possano essere scelte anche per il governo della città,con il principio della trasparenza e della partecipazione. A tutti e a ciascuno buon lavoro.

I 100 giorni di Napoleone, ops cosa dico? i primi 100 giorni di RENZI, vediamo alla fine.

Ebbene si. Prima settimana del Governo Renzi. Prima uscita, visita al Nord presso scuola. Giardino sistemato, aule pulite, insegnanti tutti contenti, il nostro caro amico Renzi sempre con il sorriso sulle labbra. Poco distante un gruppo di manifestanti. Poco importa, sono solo poche persone che lo incitano con frasi :- Non ti abbiamo votato, non ti vogliamo!, ma il nostro RENZI, sale sulla sua macchina d' istituto e va via contento d'aver visitato la scuola ed aver incontrato i bambini. Bellissimo esempio , ma nella nostra Nazione abbiamo un'altra faccia, quella di intere famiglie che non sa come fare a pagare le tasse, o che non riesce a pagare pur facendo sacrifici, e i nostri rappresentanti cosa fanno? LA LEGGE ELETTORALE, quella Legge che secondo loro darà da mangiare a milioni di Italiani!. Ma pensandoci bene, non è che la lagge viene fatta solo per sistemarsi alcune poltrone?, AH no, io non mi alzo dalla mia poltrona vuoi vedere che appena mi giro non la trovo più. Comunque , qualcuno è riuscito a spezzare la punta di un ICEBERG, e tutti quelli che vi erano sopra hanno cominciato a tremare, sarebbe bastato poco per poi prendere quasi tutto, ma ormai è tardi, tutto sta cadendo a pezzi ed adesso non è facile ricominciare perchè anche loro si sono fatti furbi e poco alla volta , ma dico poco alla volta faranno quello che  qualcuno ha iniziato........... buon lavoro al governo se lavora per la Nazione ma in particolare per gli ITALIANIIIIIIIIIIIIII.     

la situazione politica attuale e le possibili soluzioni commento

quello che hai scritto, si concretizza pienamente in quello che sta accadendo nella nostra Nazione. E' vero, le Istituzioni sono in cirsi, non hanno idee da mettere in campo, dicono solamente di abbassare le tasse per far ripartire l'economia ma non hanno altre idee. La credibilità dei nostri Politici è zero, la moralità in quasi tutti non esiste, ed è per questo che i cittadini sono sconcertatie preoccupati per il domani dei figli.Nella realtà bisogna avere coraggio e validi obiettivi, per i quali, bisogna in ogni modo lottare per raggiungerli, per il bene del Paese. La Democrazia è e deve essere garantita da partiti, quei partitiche davanti a loro vedano il bene del Nazione. E' vero, i giovani sono ormai disgustati di questa Politica, ma noi , tutti insieme dobbiamo ricostruire intorno a quei valori che da anni pronunciamo una nuova credib ilità sia per noi stessi che per i nostri figli e nipoti, per cui essere orgogliosi. Smettiamola, di buttarci fango addosso l'uni agli altri, perchè come disse nostro Signore, " chi non ha peccato scagli la prima pietra". Noi diciamo basta, pensiamo adesso a concretizzare e valorizzare le nostre idee per il bene di tutti.